Paulo Dybala: una Joya per gli occhi!

DYBALA E LA VOGLIA DI VINCERE: UN BINOMIO PERFETTO!

Paulo Dybala, attaccante della Nazionale Argentina e della Juventus. Classe, tecnica e determinazione fanno di lui un fuoriclasse. Dall’instituto di Cordoba, passando per Palermo, fino a diventare beniamino e idolo dei tifosi juventini. Ad ogni gol, sempre una dedica particolare e piena di significato.  Mani e  occhi rivolti al cielo per salutare e ricordare il suo papà, il primo tifoso speciale.

Una carriera legata da un filo conduttore. La realizzazione del sogno tanto voluto dal padre. Uno dei tre figli doveva diventare un calciatore. Non c’è riuscito Gustavo e neanche Mariano, ce l’ha fatta “U picciruddu” – soprannominato così a Palermo –  della famiglia. Nel 2012 lascia l’Argentina e si trasferisce in Italia. . Tre stagioni con la maglia rosanero (due in serie A e una in sere B), in cui viene notato per la sua grande tecnica, velocità nei dribbling, rapidità negli spazi brevi e attitudine nel ricoprire varie zone del campo. Ma ci voleva un salto di qualità per far diventare un frutto acerbo, maturo.

Detto  fatto, Paulo si trasferisce a Torino, sponda bianconera, nel 2015. Dietro un grande uomo c’è sempre una grande (Vecchia) Signora. Due destini, quello della Juve e del calciatore, accomunati dalla sola volontà di vincere. Una storia d’amore  con i tifosi bianconeri, iniziata con il gol in Supercoppa Italiana e il primo trofeo con la maglia a righe. Conclusa con la vittoria del quinto scudetto consecutivo. Si conquista la maglia della nazionale, debuttando il 13 Ottobre contro il Paraguay. Attualmente è l’uomo indispensabile per Allegri. Nei momenti di difficoltà Paulo indossa la sua maschera  da guerriero – come testimoniato dalla sua nuova esultanza – si mette sulle spalle la squadra e la porta alla vittoria. In un epoca in cui le bandiera stanno scomparendo, in un mondo in cui il portafoglio conta più del sentimento, ci auguriamo che questa favola con la maglia bianconera possa culminare con un matrimonio.

I commenti sono chiusi.