Rullo Juve e sfortuna Napoli! Cadono le milanesi e sogna il Crotone: l’analisi del weekend della Serie A

Aspettando Pescara-Roma, ecco l’analisi delle partite del weekend! Una 33 giornata di Serie A caratterizzata da tantissimi gol, ben 43 in solamente nove partite! Malissimo le milanesi che si complicano i piani per l’Europa per i propri limiti mentali. Il Milan perde in casa contro il modesto Empoli, mentre Fiorentina-Inter sembra una partita scapoli-ammogliati. La Juve vince sempre (33 di fila in casa), mentre gongolano Lazio e Atalanta, con anche la Roma che vorrà approfittare del pareggio del Napoli. In fondo il Crotone batte la Samp e continua a crederci, soprattutto con la sconfitta del Genoa. E soprattutto, che giocatore Patrik Schick!

33 di fila per il rullo bianconero; il napoli butta via il 2° posto?

La Juventus si conferma una macchina da guerra e i risultati parlano chiaramente: su 13 partite 11 vittorie e 2 soli pareggi.  E se tutti si aspettavano un calo fisico e mentale dopo la partita al Camp Nou, i bianconeri ne segnano 4 e mettono k.o. il Genoa e Allegri ha anche il tempo di far esordire con la maglia juventina Mandragora classe ’97. Con la vittoria di questa sera, i bianconeri trovano la 33ª vittoria consecutiva allo Stadium confermandosi un rullo compresso. Gli uomini di Allegri sono in una perfetta forma fisica. Mandzukic, ormai idolo degli juventini, fa una prestazione strepitosa trovando la rete del 3 a 0. Oltre al gol ritrovato, il croato per tutta la partita si sacrifica e combatte incarnando perfettamente la mentalità bianconera. Dybala con la sua classe inventa, stupisce e fa un gol da vero fuoriclasse: scambia in area con Khedira e sinistro bellissimo in rete. E se i gol di Higuain non arrivano, ci pensa Bonucci a fare il poker. il difensore bianconero parte da centrocampo, arriva fino al limite dell’area e con un tiro che prende una strana traiettoria supera Lamanna.

Una vittoria quella contro il Genoa che a detta di Allegri è un passo verso lo scudetto. Mentre la Juve dimostra la netta superiorità, il Napoli conferma i suoi limiti. I partenopei che avevano l’opportunità di portarsi momentaneamente a +1 sulla Roma, portano a casa un solo punto contro il Sassuolo. Un pareggio che sta stretto alla squadra partenopea considerando i due pali centrati da Insigne e Mertens. Milik dopo la rottura del crociato che lo ha tenuto fuori per 5 mesi, ritrova il gol portando il Napoli in parità. Il finale di partita è accompagnato dalle non più scontate lamentele di Sarri. Fatturato, arbitri e orario, sono gli alibi su cui si adagia una squadra che non riesce a diventare grande.

 

lazio e atalanta , vittorie da europa! che disastro a milano…!

L’Atalanta si porta a quota 63 in campionato e si posiziona al quinto posto a +5 dal Milan. I bergamaschi vincono in casa, dopo essersi fatti rimontare, contro il Bologna per 3 a 2. L’ottimo lavoro di Gasperini e le qualità dei giovani atalantini stanno portando dei risultati inaspettati. Anche dopo la sconfitta umiliante contro l’Inter, si sono rialzati come una grande squadra e totalizzando 11 punti in 5 partite. La Lazio risponde alla vittoria dell’Atalanta. mettendo a segno 6 gol al Palermo. I biancocelesti chiudono subito la pratica nel primo tempo con la tripletta di Keita e la doppietta di Ciro Immobile e nel seconda metà di gara Crecco firma il sesto.  Se Lazio e Atalanta vincono le milanesi affondano. Il Milan di Montella che aveval’opportunità di allungare sull’Inter cade a San Siro contro l’Empoli, subendo due gol e costringendo Donnarumma a delle strepitose parate per non crollare del tutto. La difficoltà dei rossoneri contro le piccole riemerge proprio contro i toscani. La nuova proprietà deve prendere appunti!

Anche l’altra metà di Milano se la passa malissimo! Dopo l’arrivo di Pioli e le prime vittorie, ecco che l’Inter mostra i suoi immensi problemi. La rosa non è da settimo posto, non ha nulla da invidiare ad Atalanta e Lazio ovviamente. Anzi la tecnica di Icardi (24 in campionato con questa tripletta), le giocate di Joao Mario e Perisic dovrebbero portare a qualche punto in più. Il problema però è sia una difesa imbarazzante, sia l’incapacità di reagire nei momenti difficili. La contro-rimonta dei Viola spegne i sogni Europa League, anche se la sconfitta del Milan lascia uno spiraglio per i preliminari. Nel complesso la partita Fiorentina-Inter è stata imbarazzante perché i 9 gol sono quasi tutto frutto di errori difensivi. E intanto gli uomini di Sousa sono a solo un punto dai nerazzurri..

TANTI GOL A META’ CLASSIFICA E SI RIACCENDE LA ‘ZONA CALDA’!

Un weekend ricchissimo di gol per le squadre di centro classifica! In molte ormai hanno raggiunto una posizione tranquilla, soprattutto per la sveglia tardiva di Crotone ed Empoli. Un’ottima occasione per prepararsi al meglio per la prossima stagione, testando nuovi moduli e giovani dall’ottimo potenziale. Il Bologna ritrova il gol di Destro dopo mesi difficili, anche se alla fine è l’Atalanta a trionfare. Molto bella la rete di Di Francesco, il figlio d’arte con gli occhi della Juve addosso. Anche tra Chievo e Torino regna lo spettacolo: i granata vincono 3-1 con un calcio molto offensivo (ben 4 attaccanti dall’inizio per Mihajlovic), ma dietro la difesa non è impenetrabile. Manca il sigillo di Belotti, ma il suo collega Ljajic è in ottima forma, così come l’eterno Pellissier! Udinese-Cagliari vede il trionfo dei bianconeri friulani per 2-1. Il solito Borriello, arrivato a 16 gol in campionato, può solo rendere meno amari i gol di Perica e Angella. L’attaccante croato classe ’95 trova l’ennesimo gol partendo dalla panchina.

Ma a proposito di giovani interessanti, come non nominare Schick della Sampdoria. Il ceco prima spaccava le partite a gara in corso, ora è un pericoloso costante fin dall’inizio. Giampaolo gli ha dato fiducia dopo l’infortunio di Muriel e lui l’ha ripagato alla grande! Il suo gol del vantaggio è una meraviglia, con Ferrari che se lo sogna ancora. Alla fine però è il carattere del Crotone a trionfare a Marassi, con Falcinelli ancora in gol. Purtroppo però per i calabresi, l’Empoli trova altri 3 punti fuori casa. Gli uomini di Martusciello non segnavano mai, mentre ora hanno appena sconfitto Fiorentina e Milan! Inizia a tremare il Genoa: non poteva certo trovare punti contro la Juve, ma 6 punti sul Crotone non sono una sicurezza. No comment per il Palermo, umiliato dalla Lazio (si salva solo Rispoli con la doppietta). Per il Pescara invece, in caso di sconfitta, sarà già addio alla Serie A!

 

I commenti sono chiusi.