In marcia verso Cardiff: l’analisi di Juve-Monaco

Avviciniamoci al ritorno della semifinale di Champions League. Juventus e Monaco ritornano a sfidarsi – dopo il 2 a 0 rifilato dai bianconeri – ma questa volta allo Stadium. 10 mesi di intenso lavoro per giocarsi tutto in 25 giorni: semifinale di Champions, Coppa Italia e sesto scudetto consecutivo. il primo obiettivo passa per i 90 minuti a disposizione per giocarsi un biglietto per Cardiff. Per la terza volta le due squadre si sfidano, i precedenti sono stati nel 1998 e nel 2015. In entrambe le occasioni i bianconeri approdarono alla finale ma l’esito non fu positivo.

 

Lo Stadium è una sentenza: da quello stadio non si esce indenni, sopratutto quando le partite contano.  Ma nonostante questo i bianconeri non dovranno sottovalutare l’avversario, anche se il risultato favorevole conquistato allo Stade Luis II di 2 a 0 potrebbe dare tranquillità alla Juventus. Come ha ricordato nella conferenza stampa il tecnico bianconero, il risultato a Monaco da un leggero vantaggio, ma bisogna partire come se fosse una partita secca. Ecco perché il Allegri non fare a meno dei titolarissimi fatti riposare nell’occasione del derby della Mole. I monegaschi dall’altro canto non hanno nulla da perdere per cui potrebbero giocarsela con spensieratezza, a differenza dei bianconeri che hanno un obiettivo preciso da raggiungere. Il Monaco dopo 4 anni di egemonia del PSG, è attualmente primo con 3 punti di vantaggio e una partita in meno. La vittoria del campionato sarebbe storica, come affermato da Glik nel post partita dell’andata. Il difensore, infatt,i ha affermato che il loro principale obiettivo è la vittoria in patria. Per lui è il primo ritorno a Torino da quando ha lasciato i granata. Le sue partite allo Juventus Satdium non hanno mai portato punti, ma questa volta vorrà fare meglio dei suoi ex compagni. In panchina anche De Santis e Raggi, non simpatizzanti per la Juventus, cercheranno di spronare coloro che scenderanno in campo.

Higuain dopo i soli 3 gol nella fase a gironi e nessuno nella fase ad eliminazione, si è finalmente sbloccato nella partita di andata con una doppietta. Il momento positivo è continuato anche contro il Toro facendo il gol del pari nei minuti finali. Nella rifinitura di sta mattina, c’è stato un piccolo episodio che ha fatto sudare freddo i tifosi, ma l’allarme è subito rientrato dato che il 9 della Juve stava solo cambiando una fasciatura. Il pipita e la vecchia signora vogliono saziare la loro fame di vittoria!

I commenti sono chiusi.