Donnarumma e Gagliardini steccano, Saul porta la Spagna in finale!

La tripletta di Saul mette k.o. gli azzurrini e l’avventura dell’Italia in questo Europeo finisce qui. La finale sarà Germania – vincente sull’Inghilterra ai rigori –  contro Spagna. Non è bastato il cuore dell’Italia, messo in evidenza nella sfida con i tedeschi, contro una rojita così talentuosa. Le assenze di Conti e Berardi hanno sicuramente pesato, così come il rosso di Gagliardini rimediato al 60′ minuto. 

Nel primo tempo, la squadra di Di Biagio parte  bene riuscendo a contenere la qualità dei giocatori spagnoli e rendendosi pericolosi. Le occasioni più eclatanti sono arrivate tra il 22′ e il 25, la più chiara con un tiro da dentro l’area di Pellegrini. Ma è nel secondo tempo che emerge notevolmente la supremazia tecnica della Spagna sull’Italia. Protagonista indiscusso il fenomeno  Saul con la sua tripletta. Il n° 8, perno del centrocampo dell’Atletico, sblocca il match al 53′. Passano solo 5 minuti e la partita si mette in salita per gli azzurri con l’espulsione di Gagliardini. Un’ingenuità del giocatore interista che lascia in 10 la squadra. Ma ci pensa il gioiello di Firenze a rimettere in piedi la partita. Al 62′ pareggia Bernardeschi con una botta mancina. Il momentaneo pari però non è altro che un’illusione. Passano solo 3 minuti e Saul porta in vantaggio nuovamente la Spagna. Un bellissimo gol dello spagnolo che da fuori area beffa Donnarumma. Il portiere rossonero in questa occasione poteva fare certamente di meglio. Al 74′, arriva il 3-1 firmato dallo straordinario Saul, che chiude definitivamente la partita. Il numero 8 si prende la scena e trascina i suoi in finale.

Talento e cuore non bastano, è la Spagna a volare in finale. Voto 0 all’espulsione di Gagliardini nel momento più importante della gara. Petagna non pervenuto per tutta la gara e Donnarumma non così sereno come aveva dichiarato in conferenza stampa. Voto 10 al re di questa serata: Saul. Il centrocampista sfoggia tutto il suo talento, trascinando la sua squadra a giocarsi il titolo contro la Germania.

 

Precedente Inter, Roma, Napoli e Fiorentina: vendere per migliorare! Successivo La Var: i difetti della moviola in campo!