28ª giornata di Serie A: IL PAGELLONE!

IL PAGELLONE DELLA 28ª GIORNATA!

 

VOTO 10 ALL’INTER SHOW

5 gol nel giro di 34 minuti, Icardi e Banega fanno tripletta e l’Atalanta viene letteralmente annientata. L’inter conquista i 70 mila spettatori di San Siro con un bel gioco e pressing costante per tutti i 90 minuti, per questo merita il voto più alto nel nostro pagellone. Gli uomini di Pioli sembrano un ricordo lontano della squadra di inizio stagione. Le vittorie contemporanee di Napoli e Roma non facilitano il compito, ma con i gol degli argentini e l’apporto di Gagliardini l’impresa interista sembra fattibile.

VOTO 9 AL QUINTO SUCCESSO CONSECUTIVA DELLA  LAZIO

La Lazio vince e convince. I biancocelesti sono la sorpresa di questo campionato, oltre all’Atalanta. Inzaghi – che sembrava essere un ripiego dopo il rifiuto di Bielsa – si conferma un ottimo allenatore e trascina i suoi verso un quarto posto meritato. Forse sta passando un po’ inosservata in mezzo a queste settimane di polemiche arbitrali, ma il buon periodo della Lazio sembra destinato a proseguire!

VOTO 8 ALLA VITTORIA DELLA JUVE AL 97′

 

La Juventus conquista i 3 punti contro il Milan al 97′ con un discusso fallo di mano e conseguente calcio di rigore. I bianconeri dominano la partita per 90′ minuti, andando vicino al gol in più occasioni (12 i tiri nello speccchio della porta). Tre punti che portano un grande morale a tutto il gruppo in vista anche delle successive competizioni di Champions e Coppa Italia. La Juventus si dimostra per l’ennesima volta più forte, oltre che delle avversarie, anche delle polemiche arbitrali.

VOTO 7 ALLA SAMP E ALLA FIORENTINA

Due derby vinti su due. Una bellissima soddisfazione per il vulcanico presidente Ferrero che continua a fare dichiarazioni d’amore per Giampaolo! Dopo qualche difficoltà a inizio stagione la Sampdoria ha trovato la sua dimensione con le di reti Muriel e Schick. Un voto di incoraggiamento anche per la Fiorentina che dimostra finalmente carattere dopo un mese complicato.

VOTO 6  ALLE VITTORIE DI NAPOLI E ROMA

Napoli e Roma vincono e si aggiudicano i tre punti. Entrambe avevano bisogno di una vittoria per cancellare e riscattare la brutta settimana. Il Napoli dopo la sconfitta con il Real si ripresenta al San Paolo e ne fa 3 al Crotone. Stessa storia per la Roma che fa lo stesso risultato a Palermo. Due vittorie che ridanno morale in vista dei prossimi impegni, ma le prestazioni – sia per gli avversari sottovalutati, sia per i turnover – non sono state esaltanti.

VOTO 5 AL SASSUOLO SCOMPARSO

Il Sassuolo dei miracoli, il Sassuolo dei giovani italiani, il Sassuolo da Europa League. Sembra ormai tutto scomparso in casa neroverde! Dopo gli sbadigli per 90 minuti contro il Crotone, al Mapei Stadium è solo la zampata di Destro a ravvivare una gara spenta. Berardi non segna ma i suoi compagni non stanno facendo tanto meglio. La squadra del patron Squinzi deve pensare alla prossima stagione e programmare un nuovo ciclo vincente!

  VOTO 4 AI DERBY DEL GENOA

Il nuovo tecnico Mandorlini non è riuscito a dare la carica necessaria ai suoi per portare a casa il sentitissimo derby della Lanterna. Il Genoa doveva riscattare la sconfitta dell’andata ma non riesce ad imporsi in alcun modo. La difesa soffre le incursioni di Muriel e in attacco Simeone sembra aver perso la luce. L’allenatore ex Hellas Verona dovrà sudarsi la conferma!

VOTO 3 ALLE ULTIME SENZA GLORIA

La lotta salvezza più brutta della storia. Nessuna delle tre squadre approfitta delle varie sconfitte dell’Empoli per aggrapparsi al treno salvezza. Il Palermo è l’unica che tenta di provarci e domenica sera ha dato l’impressione di poter sperare nel miracolo continuando a giocare così. Crotone e Pescara continuano a perdere. Entrambe mostrano un impegno non sufficiente a colmare l’immenso gap cpn le altre squadre di Serie A. Ormai i giochi al fondo della classifica sembrano fatti, anche se gli uomini di Martusciello stanno cercando di riaprire il discorso ad ogni costo…

VOTO 2 AL DOPO PARTITA DEL MILAN

Pessima figura dei giocatori rossoneri nel post gara. Spogliatoio dello Stadium distrutto, scritte ingiuriose nei confronti della Juventus e dell’arbitro. Un comportamento non  degno della società che rappresentano. Una società che è caduta ormai in rovina e la storia del closing-nonclosing  sta solo peggiorando la situazione. Sconfitta meritata al di la degli episodi dubbi. Voto 10+ a Montella che si dimostra un signore davanti ai microfoni, preferisce parlare di calcio anzichè di arbitri.

VOTO 1 AL CROLLO DELL’ATALANTA

Voto 1 come il gol della bandiera a San Siro. Sembra che gli uomini di Gasperini si siano dimenticati di scendere in campo. O meglio sono scesi ma si sono scordati come giocare a calcio dopo il primo gol di Icardi. La solida difesa di cui eravamo abituati, si è completamente sfaldata. La grinta e il carattere dei centroavanti non si è proprio fatta vedere. Una prestazione da dimenticare al più presto per i bergamaschi per non cancellare ciò che di buono è stato fatto fino ad ora. L’unica notizia positiva è la sconfitta del Milan che non complica ancora il pieno per l’Europa. Voto 10 ai tifosi Atalantini che hanno accolto i giocatori, al rientro da Milano, con un grandissimo entusiasmo.

VOTO 0 ALLA CULTURA CALCISTICA ITALIANA

Il Barcellona vince, con rigori dubbi e uno non dato a Di Maria, ma si parla solo del gioco dei blaugrana. La Juventus vince 23 partite su 28 ma si parla solo ed esclusivamente del rigore dell’ultimo minuto. Non si dice che il Milan meritava la sconfitta ed è stato umiliato per numero di tiri in porta. Non si fanno troppe polemiche sui rigori dati al Napoli e sul gol del Palermo annullato ingiustamente. La Juventus è meritatamente prima! Gli episodi si compensano durante l’anno! Altro che panolade o striscioni, bisogna anche saper perdere…

I commenti sono chiusi.