I PRONOSTICI DELLA 36ª GIORNATA DI SERIE A!

La 36ª giornata si apre con la sfida tra Fiorentina e Lazio e si chiude con il big match, che vale lo scudetto, tra Roma e Juve. Il Napoli è ospitato a Torino per portare a casa i tre punti e conquistare momentaneamente il secondo posto in vista della sfida all’Olimpico. Il Crotone tenterà il tutto per tutto in questa ultima fase del campionato, sperando nei passi falsi di Empoli e Genoa. L’Inter, con l’esonero in settimana di Pioli, dovrà ripartire da SanSiro contro il Sassuolo di Di Francesco. Un altro grande match è quello di Sabato sera tra Atalanta e Milan che vale un posto in Europa League. 

FIORENTINA – LAZIO (SABATO H18:00)

La partita che apre la 36ª giornata di Serie A è la sfida tra due squadre non troppo distanti sulla carta. Entrambe le formazioni hanno qualche giocatore tecnico (Bernardeschi e Keita, Borja Valero e Biglia) unito ad affidabili gregari. La differenza però in classifica è abissale! Sousa non sembra più lo stesso allenatore che aveva stupito l’anno scorso, mentre Inzaghi si è preso la scena. La sua Lazio ha raggiunto i 70 punti e si è assicurata un meritatissimo posto in Europa League. I Viola dovranno rinunciare a Badelj e Rodriguez, quindi si abbasserà Valero e si accentrerà Astori. Davanti Bernardeschi si è conquistato il posto da titolare dopo il gol del pareggio a Reggio Emilia. Tra le fila biancocelesti ci potrebbe essere un lieve turnover in vista della finale di Coppa Italia, per preservare soprattutto Milinkovic e Lulic. Nel caso ci sarà Radu. La Fiorentina potrebbe ancora sperare nel sesto posto, ma – considerato anche il pubblico che protesta – non sarà facile vincere.

  • SICURA GOL: Due squadre che prendono facilmente gol. Vedere i precedenti. 
  • RISCHIOSA X: La Lazio potrebbe avere già la testa nella sfida di Coppa Italia. 

ATALANTA – MILAN (SABATO H 20:45)

La sfida che vale un posto in Europa League. L’Atalanta ha dimostrato di saper mettere in difficoltà qualsiasi squarta che passa da Bergamo. Il calore del pubblico sarà il dodicesimo uomo in campo per trasformare  il sogno in realtà! Il Milan sta attraversando un momento difficile, e la pesante sconfitta contro la Roma ne è la dimostrazione. Gasperini ritrova in gruppo Kessie, tornato ad allenarsi insieme alla squadra, e Gomez ha smaltito l’affaticamento al polpaccio. Montella dovrà fare a meno di uno squalificato Paletta. L’attacco è affidato a La Padula insieme a Deulofeu. Bacca è destinato ad occupare ancora un’altra volta la panchina. Mentre Montolivo potrebbe partire dal 1° minuto.

  • SICURA OV 1.5: Nelle ultime partite la Dea ha preso spesso gol e anche il Milan in difesa traballa. 
  • RISCHIOSA 1: L’Atalanta vincendo conquisterebbe matematicamente in Europa. 

INTER – SASSUOLO (DOMENICA H 12:30)

L’inter ormai è alla deriva. Dalle dichiarazioni di Gagliardini  in settimana, in cui esprimeva tutto il suo malessere per un gruppo spaccato in fazioni e una società poco presente; all’esonero di Pioli e alla conseguente gestione della squadra a Stefano Vecchi. I nerazzurri continuano a sperare in un si, per la prossima stagione, di Conte o Simeone, anche se entrambi hanno dichiarato la volontà di rimanere nei propri club. Il neo allenatore dovrà fare a meno di Miranda per infortunio e Medel e Kondogbia per squalifica. Mentre Di Francesco ritrova in gruppo Defrel, Missiroli e Dell’Orco.

  • SICURA 1: Come risposta ai problemi durante la settimana.
  • RISCHIOSA  1+GOL: la difesa nerazzurra sarà rimaneggiata e il Sassuolo è in fiducia in zona gol.

TORINO – NAPOLI (DOMENICA H 15:00)

Con il pareggio nel Derby in settimana, gli obiettivi stagionali dei granata sono finiti. Il Napoli invece ha un secondo posto da conquistare. La panchina del Toro non sarà occupata da Mihajlovic per squalifica. Oltre al proprio leader, i granata non troveranno in campo neanche Acquah e Moretti. Sarri schiererà i soliti titolari per provare a portarsi momentaneamente sopra la Roma in vista del match che tiene impegnati i giallorossi con la Juventus.

  • SICURA X2: Il Torino ha dato tutto nel Derby e potrebbe essere mentalmente appagato.
  • RISCHIOSA 2: Il Napoli ha bisogno dei 3 punti per poter mettere pressione alla Roma. 

SAMPDORIA – CHIEVO  (DOMENICA H 15:00)

Una partita con poche cose da raccontare ormai. Le squadre sono ampiamente salve, hanno disputato un campionato discreto tra alti e bassi e possono guardare alla prossima stagione. I blucerchiati in particolare hanno messo in mostra ottimi giovani, istruiti magistralmente da Giampaolo. Tra tutti è stato Schick a prendersi la scena! Complice anche l’infortunio di Muriel, il ceco ha regalato spettacolo a tutti gli amanti del bel calcio. Contro il Chievo dovrebbe partire titolare insieme a Quagliarella. In porta ci sarà ancora Puggioni. La Samp vorrà riscattarsi dopo la figuraccia del 7-3 contro la Lazio. Il Chievo invece ha pareggiato con il Palermo, condannando gli avversari alla retrocessione (inevitabile vista la vittoria dell’Empoli). Maran non avrà Birsa causa squalifica, quindi sulla trequarti ci sarà il giocatore con il numero 1, De Guzman. Spolli e Dainelli sono in dubbio.

  • SICURA GOL: Due squadre di centro classifica che non hanno nulla da perdere.
  • RISCHIOSA 1: Ci sentiamo la Samp favorita. Oppure GOL SCHICK: il gioiello ceco vorrà stupire. 

CROTONE – UDINESE  (DOMENICA H 15:00)

Il Crotone continua a viaggiare a livelli scudetto nelle ultime settimane. La vittoria sull’Inter e il pareggio contro il Milan hanno dato grande fiducia ai calabresi, ma la vittoria contro il Pescara è stata inutile. Certo la salvezza è matematicamente possibile, ma le vittorie di Genoa ed Empoli hanno vanificato la fantastica rete di Stoian. Nicola si affiderà ai titolari e alla spinta del pubblico per continuare a sperare nel miracolo. Davanti Trotta e Falcinelli, mentre a centrocampo fiducia a Crisetig. Per l’Udinese sarà una sfida complicata, ma da affrontare senza pensieri per la testa. Molto bene i friulani nell’ultima parte di stagione, compreso il pareggio contro l’Euro-Atalanta di settimana scorsa. Del Neri conferma i giovani e promettenti Jankto, Balic e Perica, con anche Zapata pronto a ritrovare la rete.

  • SICURA 1: Il Crotone non mollerà di certo in casa.
  • RISCHIOSA OV 3.5: L’Udinese si batterà senza troppi pensieri in testa.

BOLOGNA – PESCARA  (DOMENICA H 15:00)

Una delle ultime partite del Pescara in Serie A. Dal match tra il Bologna e gli abruzzesi, ci aspettiamo grande spettacolo. I rossoblu non hanno nessun obiettivo, se non quello di far divertire i propri tifosi. Gli uomini di Zeman vorranno invece rendere meno amara la retrocessione racimolando qualche punto. Donadoni vorrà a tutti i costi evitare brutte figure, dopo il 3-1 subito in casa dell’Empoli. Per questo motivo cercherà di recuperare Di Francesco e Masina, ma in attacco si affiderà ancora a Verdi-Destro-Krejci. Gli ospiti invece saranno privi di Benali (assente per squalifica), con Brugman avanzato nel tridente. Dopo le vicende di razzismo tornerà anche Muntari in mezzo al campo, al fianco del giovanissimo e promettente Coulibaly.

  • SICURA GOL: I campionati delle squadre sono finiti.
  • RISCHIOSA X: Magari arriva un pareggio negli ultimi minuti. 

CAGLIARI – EMPOLI  (DOMENICA H 15:00)

L’Empoli ha bisogno dei 3 punti per conquistare la tranquillità e farli con una squadra che non ha più nulla da dire in campionato sembra ancora più semplice. Il Cagliari metterà in campo il solito Boriello e alle sue spalle ci saranno Farias e Joao Pedro. Mentre a centrocampo Tachtsidis in vantaggio su Padoin. I toscani schiereranno in attacco El Kadduri alle spalle del duo Pucciarelli – Thiam. In difesa invece ci sarà Laurini.

  • SICURA GOL: In casa del Cagliari segnano tutti. 
  • RISCHIOSA 1: Pensiamo che l’Empoli possa trovare i tre punti. 

PALERMO – GENOA  (DOMENICA H 15:00)

I rosanero hanno buttato via una stagione e dovranno ripartire dalla B. Tra problemi con gli allenatori, cambi di presidenza e inadeguatezza dei giocatori in campo, il Palermo è ormai matematicamente retrocesso. Il pubblico del capoluogo siciliano si meritava però molto di più! L’attaccamento alla maglia e gli incoraggiamenti non sono mancati, anche nei momenti più complessi. Spetterà ora al neo-presidente mantenere le premesse per tornare subito in Serie A. La squadra rosanero cercherà la seconda vittoria di fila in casa, dopo quella contro la Fiorentina. Dall’altra parte ci sarà un Genoa rinfrancato dalla vittoria contro l’Inter. Il momento era drammatico, con i giocatori che erano visibilmente preoccupati e il tecnico disperato. Juric ha però caricato i suoi e il gol di Pandev ha regalato 3 punti fondamentali. Il Crotone è ancora distante e la sfida non sembra proibitiva per i rossoblu. Tra i padroni di casa tornerà Nestorovski nel tridente con Sallai e Diamanti. Bortoluzzi dovrà però rinunciare in mezzo al campo a Gazzi e Jajalo. Nel Genoa invece ci sarà Munoz al posto di Burdisso, mentre rientra Pinilla dopo la lunga squalifica. In attacco confermato Pandev dopo il gol vittoria.

  • SICURA GOL: Sarà una gara combattuta. 
  • RISCHIOSA X: Secondo noi alla fine arriverà un pareggio che scontenterà tutti. 

ROMA – JUVENTUS  (DOMENICA H 20:45)

La sfida che vale lo scudetto. In caso di vittoria  della Juventus, porterebbe matematicamente i bianconeri alla conquista del primo obiettivo stagionale. La Roma dal canto suo, in caso di 3 punti potrebbero crederci? Ciò che è sicuro è che la Roma ha fatto una stagione formidabile tenendo vivo questo campionato fino alla terzultima giornata. Spaletti dovrà fare a meno di Dzeko per una lesione al polpaccio, dello squalificato Strootman, mentre Nainggolan invece è in dubbio. I bianconeri, hanno invece perso Khedira nella sfida contro il Monaco, per un leggero fastidio muscolare. Allegri affiderà il centrocampo a Pjanic e Rincon.

  • SICURA GOL: Entrambe le squadre vorranno vincere. Si sfidano il secondo e il terzo miglior attacco del campionato. 
  • RISCHIOSA X: Quando entrambe le squadre vogliono vincere ne esce fuori un pari. Per i temerari 1: La Roma deve vincere se vuole aggrapparsi a un po’ di speranza. 

 

Precedente Due finali in tre anni: la Juve vola a Cardiff! Successivo E' tempo di trofei: l'analisi della finale di Coppa Italia!