La grinta della Roma non basta: niente rimonta e Lione ai quarti!

2-1 Al fischio finale. Una buona Roma e la spinta dei tifosi all’Olimpico non bastano per completare la rimonta. Anche quest’anno l’Italia non riesce ad imporsi in Europa League e il ranking UEFA si baserà solo più sul cammino della Juventus! Dopo un ottima partita disputata su ritmi alti, dopo moltissime occasioni da gol sprecate e dopo le parate del portiere del Lione, alla fine i giallorossi pagano la grave disattenzione su palla da fermo del primo tempo. La squadra di Spalletti ricade nei soliti errori! Come era successo all’andata tanto possesso palla e idee buone, ma per competere davvero a grandi livelli serve più attenzione. Ottima prova dei francesi, bravi e fortunati nel contenere la Roma e soprattutto cinici nel trovare il pareggio. Forse ai punti di più meritava la squadra di casa e questo fa capire ancora di più come il vero rammarico sia la sconfitta per 4-2 a Lione…

 

LA CRONACA

La Roma parte fortissima con un’incredibile traversa di Rudiger. L’obiettivo è chiaro per i giallorossi: vincere e accedere ai quarti di finale. Però lla prima occasione per il Lione la difesa dei padroni di casa si addormenta e i francesi passano in vantaggio con una situazione fotocopia a quella dell’andata. Calcio piazzato di Valbuena, cross in mezzo e stacco imperioso di Diakhaby  – addirittura 3 gol in 4 partite. Botta e risposta. Passa neanche un minuto e la Roma ristabilisce la parità con Strootman su gli sviluppi di punzione.
I giallorossi ci provano con tutte le proprie forze! Un vero e proprio assedio dei padroni di casa che prendono a pallonate la porta di Lopes. Il Lione ha difficoltà a costruire gioco. La Roma va su ogni pallone, conquista palla e riparte, ma si trovano un grande Lopes in serata. La fine del primo tempo fa ben sperare per un passaggio del turno dei giallorossi. Nella seconda metà di gara la musica non  cambia. La Roma attacca, il Lione si difende. Al 61′ El Sharaawy – entrato al posto di Peres – sfonda a destra, crossa e trova uno sfortunato rimpallo di Tousart che fa autogol. La Roma passa in vantaggio. La distanza per accedere ai quarti è di solo un gol. L’Olimpico è una bolgia – con anche capitan Totti in campo – credono alla “remontada”. Passano i minuti ma la Roma non riesce a sfondare, il Lione è ben chiuso e appena può riparte pericolosamente. Dopo 5 minuti di recupero, la partita finisce 2 a 1 per i padroni di casa, Una vittoria che non basta per passare il turno. Il pensiero inevitabilmente va alla partita di andata in cui la Roma si è giocata la qualificazione. I giallorossi escono sconfitti nonostante una grande dimostrazione di carattere, forza fisica, tecnica  e lucidità.

IL MIGLIORE – ANTHONY LOPES

Il miglior in campo è di gran lunga il portiere del Lione. Anthony Lopes è autore di una delle migliori prove della sua carriera! Parate decisive, ottimi interventi sulle palle alte e tanta sicurezza data a tutto il pacchetto arretrato. Eccede un po’ con le perdite di tempo, ma chi non lo avrebbe fatto vista la pressione della Roma. I gol della Roma sono frutto di una sua piccola imperfezione su cross di De Rossi e di un autogol, ma se il Lione accede ai quarti di Europa League buona parte del merito è del classe ’90.

IL PEGGIORE – EDIN DZEKO

Era partito bene con ottimi scambi con Salah e il resto della squadra, ma a lungo andare perde il confronto contro la fisicità dei difensori centrali avversari. Mammana e Diakhaby lo sovrastano e il centravanti bosniaco riceve pochi palloni. Tra alcuni movimenti sbagliati e l’imprecisione dei suoi tiri dentro l’aerea, il numero 9 giallorosso non è stato in grado di regalare il gol qualificazione ai suoi tifosi. Una palese involuzione fisica dovuta principalmente ai troppi impegni ravvicinati dell’ultimo periodo!

IL TABELLINO
16′ Diakhaby (L), 17′ Strootman (R), 60′ aut. Tousart (R)

ROMA (3-4-2-1) Alisson; Manolas, Fazio, Rudiger; Bruno Peres (59’El Shaarawy), Strootman, De Rossi (84′ Totti), Mario Rui (76′ Perotti); Salah, Nainggolan; Dzeko. (Szczesny, Juan Jesus, Paredes, Emerson). 
  • AMMONITI: Manolas, Strootman, Nainggolan, Perotti
All.: Spalletti.
LIONE (4-2-3-1) Lopes; Jallet, Mammana (78′ Yanga-Mbiwa), Diakhaby, Morel; Tousart, Gonalons; Cornet, Tolisso, Valbuena (91′ Rafael); Lacazette (84′ Fekir). (Gorgelin, Ghezzal, Ferri, Darder). 
  • AMMONITI: Tousart, Mammana, Gonalons, Lopes
All.: Genesio.
ARBITRO Kassai (Ungheria)
Precedente Ancora Dybala, la Juve è tra le 8 regine d'Europa! Successivo ANALISI E PRONOSTICI DELLA 29ª GIORNATA DI SERIE A!