Lezione di Inzaghi alla Roma, 2-0 biancoceleste all’Olimpico!

La semifinale di andata tra la Lazio di Inzaghi e la Roma di Spalletti è sbloccata da Milinkovic-Savic e poi chiusa da Immobile. 2-0 più che meritato per la squadra biancoceleste e molti complimenti vanno proprio fatti al tecnico. Ottima direzione di gara “all’inglese” da parte di Irrati con poche interruzioni di gioco a beneficio dello spettacolo. Da sottolineare inoltre che finalmente abbiamo assistito a un derby giocato di sera. Una nota negativa per i vergognosi fischi razzisti verso Rudiger.

L’arbitro fischia l’inizio del Derby della Capitale e le squadre partono con il piglio giusto. I 22 in campo si affrontano a viso aperto: botta e risposta da una parte all’altra senza che ci siano mai reali pericoli. Nessuno vuole scoprirsi troppo ma la Roma cerca – con buona organizzazione nel girare la palla – di fare la partita. Dopo qualche buono scambio tra Dzeko e Salah, è però la Lazio di Inzaghi a passare in vantaggio al 30° minuto con Milinkovic-Savic. Il serbo innesca Felipe Anderson che scatta lasciando Fazio sul posto e gli restituisce la palla. Scivolata del centrocampista laziale per anticipare i difensori giallorossi ed è 1 – 0 al primo errore degli ‘ospiti’.

Pochi minuti dopo la Roma sfiora il pareggio in due occasioni: prima un colpo di testa di Dzeko servito splendidamente da Nainggolan e poi lo stesso bosniaco colpisce male su cross di Paredes. La squadra di Spalletti reagisce allo svantaggio e cerca di imporsi nuovamente come ha fatto nella prima parte di gara. Finisce il primo tempo senza altre emozioni e senza recupero (da registrare solo l’ammonizione di Parolo diffidato).

Nella seconda metà di gara la Lazio parte forte mentre la Roma è poco lucida e frettolosa nel cercare la verticalizzazione giusta per il pareggio. Al 59′ una clamorosa occasione per i biancocelesti. in ripartenza Fazio si fa di nuovo sorprendere in velocità, Felipe Anderson serve Immobile contrastato bene da Manolas e in ribattuta ci prova Parolo con un gran destro. Due minuti dopo è Salah a colpire l’esterno del palo: la Roma subisce troppi contropiedi, restando sempre temibile! Minuto 67, rete – bellissima – di Immobile annullata per netto fuorigioco. Lo stesso attaccante italiano provoca l’ammonizione di Rudiger per una lieve reazione, ma il cartellino sembra esagerato – dal replay è il bianco celeste ad accentuare il tutto.

La Lazio trova il secondo gol – ormai nell’aria – proprio con Immobile. Keita controlla bene palla sulla trequarti, supera facilmente Manolas e serve sottoporta il centravanti  ex Torino che da due passi non può sbagliare al 78′. L’impresa si fa sempre più difficile per la Roma. alla disperata ricerca di un gol quasi trovato su un tiro deviato e respinto da Strakosha. I biancocelesti sono i primi ad arrivare sui palloni sporchi e vincono con decisione tutti i contrasti. La qualità giallorossa non è sufficiente a scardinare la difesa avversaria, quindi Spalletti si gioca la carta Francesco Totti al minuto 86. La Roma nei minuti finali ci prova con le ultime forze rimaste ma è la Lazio a vincere l’andata di semifinale di Coppa Italia.


IL MIGLIORE

Milinkovic-Savic è l’uomo che sblocca il derby. Ha fatto un gol da vero rapace d’area, si fa sempre trovare pronto nel ripartire e con la sua fisicità vince molti contrasti. Ottima prova per il giovane serbo che si ricorderà di questa serata.

IL PEGGIORE

Fazio è l’uomo che perde Felipe Anderson nell’occasione del vantaggio biancoceleste. Durante la partita è poco lucido e sembra un lontano parente da quello visto a San Siro. Malissimo il gigante difensivo giallorosso.
 

IL TABELLINO
30′ Milinkovic-Savic (L), 78′ Immobile (L)


Lazio (3-5-2): Strakosha; Bastos, De Vrij, Wallace; Basta, Parolo, Biglia, Milinkovic-Savic (91′ Murgia), Lukaku (80′ Crecco); Felipe Anderson (67′ Keita Baldé), Immobile. All. Inzaghi.

  • AMMONITI: Parolo (salterà il ritorno), Strakosha, Biglia.
  • ESPULSI: nessuno

Roma (3-4-2-1): Alisson; Rudiger, Fazio, Manolas; Bruno Peres (86′ Totti), Paredes (65′ Perotti), Strootman, Emerson; Salah (68′ El Shaarawy), Nainggolan; Dzeko. All. Spalletti.

  • AMMONITI: Rudiger,
  • ESPULSI: nessuno
Arbitro: Massimiliano Irrati

I commenti sono chiusi.