Un pareggio che fa sorridere solo la Juve: 1-1 al San Paolo!

Questo è un pareggio che ha una valenza completamente opposta per le due squadre. Il Napoli voleva vincere a ogni costo. Ha spinto, ci ha provato con tutti i giocatori e con un ottimo possesso palla ha cercato di stanare la retroguardia bianconera. Le occasioni non sono mancate sui piedi di Insigne e Mertens e il gol di Hamsik ha riacceso le speranze. Alla fine però il muro creato da Allegri ha retto l’urto permettendo alla Juventus di mantenere un rassicurante +10 sui partenopei. La Vecchia Signora, dopo il gol molto bello di Khedira, ha rinunciato a giocare e si è rintanata troppo per 60 minuti, sperando che una rete di vantaggio bastasse. Ciò che conta però è il risultato e la Juve ha completato la sua missione! Una bella gara nel complesso, intensa, giocata con grande rispetto reciproco e non sono mancati gli assordanti fischi per Higuain. Riviviamo la cronaca della partita (con anche il nostro pronostico preso)!

 

Parte molto bene la squadra di casa, dimostrando di voler attaccare fin dai primi minuti. Ma la Juventus non è d’accordo e affonda alla prima (e unica per tutto il match) occasione utile. Higuain è astuto nel disturbare Albiol, Allan non tiene palla e Khedira segna dopo un’ottima triangolazione con Pjanic. Subito 0-1 al 7° minuto! Il Napoli però non vuole lasciar scappare la capolista a + 13 e vuole soprattutto allontanare la Lazio, vittoriosa ieri sul Sassuolo. Dal quindicesimo del primo tempo in poi inizia il monologo napoletano. Tantissimo possesso palla, molti cross – imprecisi – e costante pressione sulla difesabassissima degli ospiti. Allegri voleva evitare le imbucate su Callejon ma in questo modo la Juve non ha respirato per tutto il primo tempo! Hamsik si mangia due gol dal limite dell’area al 21′ e al 32′, Insigne spaventa Buffon con i suoi tiri a giro e Mertens sbaglia con la porta spalancata. Tanta sofferenza, ma il muro regge per tutto il primo tempo.

 

Nella ripresa ci si poteva aspettare una Juve più propositiva in ripartenza, vista l’occasione buttata da Lemina. In realtà però il copione non manca! Nuovo tiro a giro di Insigne al 51′, gol giustamente annullato a Callejon per fuorigioco ed ecco infine il meritato pareggio al 61′. La Juve non riesce a ripartire a causa della pressione avversaria, Hamsik viene servito da Mertens dopo un uno-due spettacolare e realizza la rete solo davanti a Buffon. Il San Paolo si infiamma e diventa ancora più una bolgia. I fischi per Higuain diventano fischi per tutti i bianconeri e ogni ripartenza dei propri beniamini è accolta da boati assordanti! Dopo solo 4 minuti il Napoli poteva ribaltarla con Mertens che approfitta solo in parte del corto retropassaggio di Asamoah e prende il palo, dopo il contrasto con il portiere bianconero. Allegri capisce che deve cambiare la sua Juve per dare una scossa. Entra Cuadrado (e all’80’ anche Dybala) e gli ospiti alzano il proprio baricentro. Non arrivano però tiri in porta dalle parti dell’inoperoso Rafael e l’ultima clamorosa occasione è la sponda di testa di Callejon. Dopo tre minuti di recupero finisce in parità!

Grande prova del Napoli ma la spinta costante non è bastata a portare a casa i 3 punti! La Lazio così si è avvicinata, ma gli uomini di Sarri hanno dimostrato sul campo di poter ambire a un piazzamento Champions. La Juventus, invece, non ha brillato anche a causa di qualche defezione di troppo. Tra il grave infortunio di Pjaca e gli altri attaccanti a mezzo servizio, questa sera il pari sarebbe andato benissimo alla capolista. E così è stato! Tra tre giorni ci sarà il confronto di Coppa Italia, chi raggiungerà la finale?

IL MIGLIORE – HAMSIK

Insigne e Mertens provano in ogni modo a segnare, ma alla fine è il capitano del Napoli a riportare il match in parità. Grande prova quella di Hamsik, fermato solo da un problema muscolare poco dopo la rete. Difende con attenzione nelle poche ripartenza bianconere e dà un apporto costante all’attacco. Il suo è un inserimento a cui ha abituato tutti nel corso della carriera! Una nota positiva anche per Khedira, il vero e proprio faro del centrocampo (e per l’occasione anche dell’attacco) della Juve.

IL PEGGIORE – MARCHISIO

Non è ancora il Marchisio delle stagioni passate. I malumori per la panchina e per la mancata convocazione in Nazionale, uniti al gravissimo infortunio, hanno fatto rendere il Principino della Juve ben al di sotto delle aspettative. Causa emergenza in attacco, Allegri gli regala una maglia da titolare che non viene sfruttata. Soffre la velocità avversaria e rincorre sempre Hamsik. Insieme a Lemina (totalmente fuori posizione, prova a compensare con la fisicità) è il peggiore stasera!

TABELLINO

MARCATORI: 7′ pt Khedira (J); 15′ st Hamsik (N)

NAPOLI (4-3-3): Rafael; Hysaj, Albiol , Koulibaly, Strinic (34′ st Ghoulam); Allan (24′ st Zielinski), Jorginho, Hamsik (31′ st Rog); Callejon, Mertens, Insigne. A disposizione: Sepe, Reina, Chiriches, Maksimovic, Maggio, Diawara, Giaccherini, Pavoletti, Milik. Allenatore: Maurizio Sarri.

JUVENTUS (4-2-3-1): Buffon; Lichtsteiner, Bonucci, Chiellini, Asamoah; Khedira, Marchisio (34′ st Dybala); Lemina (16′ st Cuadrado), Pjanic (42′ st Rincon), Mandzukic; Higuain. A disposizione: Neto, Audero, Rugani, Barzagli, Dani Alves, Benatia, Alex Sandro, Mandragora, Sturaro. Allenatore: Massimiliano Allegri.

ARBITRO: Orsato

I commenti sono chiusi.